Route 3.552.808 – powered by www.runmap.net

DOWNLOAD GPX

Bella escursione nell’entroterra di Loano, culminante nella cima più elevata delle Alpi Liguri (m. Carmo 1389m), un po’ lunga, ma varia e interessante.
Il pregio maggiore di questa escursione è la varietà del paesaggio attraversato e, se si ha la fortuna di una buona visibilità, un panorama eccezionale. Inoltre l’esposizione a sud della gran parte dell’itinerario rende la gita particolarmente adatta al periodo primaverile o autunnale.
Non ci sono difficoltà escursionistiche di sorta, se non di orientamento in quei brevissimi tratti ove il sentiero non si riesce ad individuare molto bene.
Si parcheggia l’auto sul piazzale del Giogo di Toirano (810m), il colle che divide la Val Varatella dalla Val Bormida di Millesimo, in prossimità dell’attacco del sentiero AV (Alta Via dei monti Liguri), che sarà il nostro punto di arrivo, e si va ad iniziare l’anello scendendo un centinaio di metri sull’asfalto fino al primo tornante dove parte una comoda carrareccia verso l’Abbazia di San Pietro in Varatella, eretta sul monte omonimo, chiamata anche “ai Monti”. La stessa venne fondata intorno all’800 e donata da Carlo Magno ai Benedettini, che vi abitarono stabilmente fino al 1313.
Dal prato antistante il Monastero si gode di una vista sul mare di grande bellezza che spazia da Borghetto Santo Spirito all’isola Gallinara avendo di fronte il verde crinale comprendente i monti Piccaro, Croce e Acuto; la giornata permette anche di vedere i primi contrafforti della Corsica.
Per raggiungere la seconda meta, il monte Ravinet si possono seguire, in direzione nord-est, sia il sentiero con tacche rosse, più panoramico, ma con tratti leggermente esposti, sia quello con tacche gialle, più diretto e tutto in mezzo al bosco. Dal Monte Ravinet (1061m) si vede tutto il crinale che bisognerà seguire per raggiungere la cima del monte Carmo, ma prima bisogna scendere in direzione nord, seguendo una labile traccia e perdendo quasi 100 metri di quota, fino a incrociare il comodo sentiero, contrassegnato da un “x” rossa, che perviene da Boissano-San Pietrino.
Dalla Cà du Fo’, grossa e massiccia costruzione in pietra, forse ancora usata come riparo da cacciatori e pastori (il nome è dipinto sulla pietra), il sentiero piega a sinistra e torna sul versante esposto a sud, proseguendo in moderata pendenza fino ad un bivio: si lascia allora il sentiero che continua verso il Giogo di Toirano e si sale a destra, di nuovo per boschi, fino a raggiungere un’ampia sella erbosa, dalla quale si gode di una bella vista sulle vicine vette del Galero, l’Armetta e delle Alpi Liguri.
Questa zona di prati, ormai in prossimità della vetta, è disseminata di resti di fuochi e di altri segni di passaggio umano. Siamo nelle vicinanze del Rifugio Amici del Carmo, che per chi sale rimane un po’ scostato sulla destra e non immediatamente visibile.
Seguendo i segni si arriva in breve alla confluenza con l’Alta Via dei Monti Liguri e di altri sentieri, ai piedi del ripido panettone erboso sommitale sul quale spicca la grande croce di vetta, che si raggiunge in pochi minuti.
Dalla vetta del Carmo (1389m) il panorama è grandioso sulle cime delle Alpi Liguri e dell’arco alpino oltre, naturalmente, su quasi tutta la costa ligure e la Corsica.


Beautiful hike in the hinterland of Loano, culminating in the highest peak of the Ligurian Alps (m 1300m Carmo), a bit ‘long, but varied and interesting.
The main advantage of this excursion is the variety of the landscape crossed and, if you are lucky enough for good visibility, an exceptional panorama. In addition, the southern exposure of most of the itinerary makes the trip particularly suitable for the spring or autumn.
There are no hiking difficulties whatsoever, if not orientation in those very short sections where the path can not be identified very well.
You park the car on the square of Giogo di Toirano (810m), the hill that divides Val Varatella from the Val Bormida di Millesimo, near the attack of the path AV (Alta Via dei monti Liguri), which will be our point of arrival, and you start to start the ring going down a hundred meters on the asphalt up to the first hairpin bend where a comfortable cart road leads to the Abbey of San Pietro in Varatella, erected on the mountain of the same name, also called “ai Monti”. The same was founded around 800 and donated by Charlemagne to the Benedictines, who lived there permanently until 1313.
From the lawn in front of the Monastery you can enjoy a view of the sea of ​​great beauty that ranges from Borghetto Santo Spirito to the Gallinara island facing the green ridge including the Piccaro, Croce and Acuto mountains; the day also allows you to see the first spurs of Corsica.
To reach the second destination, Mount Ravinet can be followed, in a north-easterly direction, both the path with red notches, more scenic, but with slightly exposed stretches, and the one with yellow notches, more direct and all in the middle of the woods. From Mount Ravinet (1061m) you can see all the ridge that you must follow to reach the top of Mount Carmo, but first you have to go down north, following a labile trail and losing almost 100 meters of altitude, until you cross the comfortable path, marked from a red “x”, which comes from Boissano-San Pietrino.
From the Cà du Fo ‘, a large and massive stone construction, perhaps still used as a shelter by hunters and shepherds (the name is painted on the stone), the trail bends to the left and returns to the south facing slope, continuing in moderate slope until a crossroads: then leave the path that continues towards the Toogo yoke and climb to the right, again through woods, until you reach a large grassy saddle, from which you can enjoy a nice view of the nearby peaks of Galero, l ‘Armetta and the Ligurian Alps.
This area of ​​meadows, now near the summit, is littered with remains of fires and other signs of human passage. We are in the vicinity of the Rifugio Amici del Carmo, which for those who climb remains a little ‘pushed aside on the right and not immediately visible.
Following the signs you will soon reach the confluence with the Alta Via dei Monti Liguri and other paths, at the foot of the steep grassy summit panettone on which stands the great summit cross, which can be reached in a few minutes.
From the summit of Carmo (1389m) the panorama is magnificent on the peaks of the Ligurian Alps and the Alpine arc as well, of course, on almost the whole Ligurian coast and Corsica.